mercoledì 29 marzo 2017

Segnalazione Concerto di Pasqua - Pianoforte a 4 mani con Claudia D'Ippolito e Luigi Moscatello all'Oratorio di Santa Cecilia - ingresso ad offerta libera

DOMENICA 16 APRILE 2017 ore 18.00

Concerto di pianoforte a 4 mani con
Claudia D'Ippolito e Luigi Moscatello (pianisti)


Programma : Trascrizioni per pianoforte a 4 mani

Edvard Grieg - Peer Gynt Suite No.1
Pyotr Ilyich Tchaikovsky - Dalla Suite da "Lo Schiaccianoci":
Danza della Fata Confetto; Danza Russa;
Danza Cinese e Valzer dei Fiori
Amilcare Ponchielli - Danza delle ore
Wolfgang Amadeus Mozart - Ouverture da "Le nozze di Figaro"
Vincenzo Bellini - Ouverture da "La Norma"
Gioacchino Rossini - Ouverture da "La Gazza Ladra"
Giuseppe Verdi - Ouverture da "Il Nabucco"

Oratorio Santa Cecilia - Via Zamboni, 15 – Bologna

INGRESSO AD OFFERTA LIBERA

I concerti del San Giacomo Festival sono organizzati per sostenere
la Mensa quotidiana dei poveri presso i PP. Agostiniani di Bologna

C.S. SPETTACOLO “MARCO PANTANI“, DAL 3 AL 15 APRILE AL TEATRO LIBERO DI MILANO


gentilissimi,


inviamo il comunicato dello spettacolo Marco Pantani- In polvere. Ascesa e distruzione di un dio, in scena al Teatro Libero di Milano dal 3 al 15 aprile, produzione compagnia in residenza Fenice dei Rifiuti.

Uno spettacolo scandito dal ritmo di un'indagine, per la regia di Alessandro Veronese, che si propone di ricostruire l'ascesa e la caduta del grande campione, dalla nascita della passione per il ciclismo alle prime vittorie sportive, fino alla sua scomparsa.



resto a disposizione per fornirvi nuovo materiale fotografico nei prossimi giorni


cordialmente



--
Simona Griggio
3288839902
Ufficio Stampa e promozione
Teatro Libero - Milano
02/45497296

stampa@teatrolibero.it 
www.teatrolibero.it

Minecraft: individuate su Google Play 87 app fake camuffate da mods del popolare videogioco. Scaricate da un milione di utenti Android






Giocatori di Minecraft attenzione: individuate su Google Play 87 app fake camuffate da mods del popolare videogioco
 
Scaricate da quasi un milione di utenti Android, le app malevole reindirizzavano a siti truffa o aprivano finestre di pubblicità indesiderata
 
Roma, 29 marzo 2017 – I giocatori di Minecraft sono stati minacciati nelle ultime settimane da ben 87 applicazioni fake che apparivano su Google Play come mods – ovvero funzionalità aggiuntive - del popolare videogioco. Secondo i ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell'Unione Europea, le app fake sono state scaricate da 990.000 utenti Android negli ultimi due mesi e possono essere divise in due categorie principali, a seconda dell'attività malevola che queste nascondono.
Il primo gruppo di app fake, individuate da ESET con il nome di Android/FakeApp.FG, aprivano direttamente una finestra del browser per la visualizzazione di siti truffa, senza neanche inscenare una finta procedura di installazione del mod. A questo gruppo appartenevano 73 delle app individuate, che sono state scaricate tra gennaio e marzo 2017 da 910.000 utenti.
Le rimanenti 14 app fake, scaricate da 80.000 utenti e individuate da ESET con il nome di Android/TrojanDownloader.Agent.JL, simulavano invece una finta schermata con il pulsante "INSTALL MOD". Premuto il pulsante, all'utente veniva richiesto di installare un modulo aggiuntivo contenente un trojan che, una volta caricato, bloccava qualsiasi procedura e apriva pop up di pubblicità indesiderata. In questo secondo caso la minaccia era ancora più insidiosa: il trojan in oggetto è infatti in grado di scaricare qualsiasi contenuto da Internet e, di conseguenza, non è escluso che i cyber-criminali che lo hanno creato possano decidere un giorno di utilizzarlo per installare ulteriori software sui terminali infetti.
 I ricercatori di ESET raccomandano di scaricare tutte le applicazioni dagli store ufficiali, verificando sempre il numero di installazioni, il rating e soprattutto i commenti degli utenti che hanno già scaricato l'app. Ad esempio, nel caso di Android/TrojanDownloader.Agent.JL, le app hanno ottenuto su Google Play valutazioni e recensioni decisamente negative. In ogni caso, l'utilizzo di un software di sicurezza affidabile e costantemente aggiornato eliminerà la possibilità di essere insidiati da queste ed altri tipi di minacce.
Se l'utente si accorge di aver inavvertitamente installato una di queste false app potrà rimuoverle manualmente, seguendo due procedure diverse a seconda del tipo di malware scaricato.
Per eliminare Android/TrojanDownloader.Agent.JL (pubblicità indesiderata) sarà necessario disattivare i permessi aprendo i menu Impostazioni > Sicurezza > Amministratore dispositivo. A questo punto sarà possibile disinstallarle accedendo al menu Impostazioni > Gestione Applicazioni; una volta entrati nelle proprietà dell'applicazione da eliminare sarà sufficiente premere sul pulsante Disinstalla.
La procedura, nel caso di Android/FakeApp.FG (indirizzamento verso siti truffa), è più semplice: basterà disinstallare l'app tramite il menu Impostazioni > Gestione Applicazioni.
Per ulteriori informazioni sull'argomento è possibile visitare il blog Welivesecurity di ESET al seguente link: https://www.welivesecurity.com/2017/03/23/download-minecraft-mods-google-play-read/
 
Elisabetta Giuliano
Communication Consultant
Mobile: + 39 3289092482












































LE CONFEZIONI CADEV ALLA SCOPERTA DELL'EXPORT CON EVEHO GROUP

Cadev Srl, azienda da 60 anni nel settore delle confezioni, oltre ad essere il nuovo partner di Eveho Group, è l’espressione di una bella storia di successo nell’imprenditoria femminile. L’attività, nata, pensata e coltivata grazie alla lungimiranza della sua fondatrice, la Signora Mariantonietta, vede la luce nel 1955, quando la fondatrice decide di avviare la produzione di fazzoletti in casa propria. Il prodotto è ben curato e perfetto, immediatamente le richieste aumentano. Per supplire ai continui ordini, la signora Mariantonietta assume due donne del paese. Un paio di anni dopo, mentre sta cucendo alla sua macchina dei vestiti per le bambole delle figlie, la Signora Mariantonietta ha una ulteriore intuizione: trasformare questa attività in un nuovo lavoro per lei e per il suo team tutto al femminile. In pochi giorni si attiva la nuova linea di abitini, e dopo pochi mesi, arriva il grande cliente: Furga, nota fabbrica di bambole che ha fatto sognare, giocare e divertire centinaia di bambine. L’anno seguente, questa donna imprenditrice, straordinaria per la sua epoca, decide di tuffarsi nel mondo delle camicie: inizia a produrre colli per conto di terzi. I colli sono talmente belli, talmente apprezzati che gli ordini aumentano sempre più. È finalmente arrivato il momento di fare il grande passo: aprire una vera e propria azienda. Nel 1959 è pronto il primo capannone dove ancora oggi Cadev realizza i propri capi. Inizia una grande opera di assunzione. La signora Mariantonietta era molto moderna e attenta ai bisogni delle donne: decise di attuare una politica di assunzione con priorità alle donne del paese, per emanciparle dai mariti e renderle indipendenti.

Negli anni '80 l'azienda è in pieno boom economico. La signora Mariantonietta dà lavoro a 120 persone e il suo principale cliente è Aspesi, stella nascente nel panorama della moda, ancora oggi uno dei più eleganti rappresentanti dello stile italiano. Dopo sessant'anni dal giorno in cui la signora Mariantonietta iniziò a produrre fazzoletti, l’azienda mantiene fermi i suoi valori, che rappresentano il fulcro, il motore e la filosofia che sta dietro ogni capo Cadev: innovazione, tradizione, famiglia, valorizzazione delle risorse locali e soprattutto Made in Italy.

Valori tramandati da ben 3 generazioni in una linea continua che unisce passato, presente e futuro assolutamente Made in Italy.

               

Anno 2016: i tempi sono maturi per il grande salto, la scelta di Cadev Srl di intraprendere l’avventura export ha portato alla stipula di un accordo commerciale di internazionalizzazione con Eveho Group,  che ne diventa partner operativo nel curarne la proiezione ed il posizionamento sui mercati internazionali, alla ricerca della strategia migliore.

Perché proprio Eveho? La risposta è nelle competenze proprie di Eveho Group. L’industria italiana del tessile-moda, per continuare a crescere in un mercato estremamente agguerrito, deve far fronte a cambiamenti sia sul fronte degli sbocchi-Paese che su quello dei comportamenti d’acquisto dei consumatori, che sono ormai repentini e frequenti. Secondo un’indagine congiunturale condotta da Sistema Moda Italia presso un centinaio di aziende associate e operanti in tutti gli stadi della filiera, il confronto tra il 2016 e il 2015 evidenzia che nei primi sette mesi dell’anno l’export di tessile-moda diretto in Europa ha accelerato la marcia (+2,2% nella UE a 9,7 miliardi di euro), arrivando a sfiorare il peso del 56%: il traino è arrivato da Germania (+2,7%), Francia (+2,2%), Regno Unito (+3%) e Spagna (+4,4%), cioè dai principali sbocchi europei del settore. Se Europa traina l’export del tessile-moda, frenano, invece, gli Stati Uniti (-6,2%)

 

Diviene, a questo punto, fondamentale la capacità di orientarsi nel mercato estero maggiormente responsive per ciascuna linea di prodotti manifatturieri, valutazione che è parte integrante dei servizi prestati da Eveho Group,  che da sempre valorizza i talenti delle aziende partner nel loro complesso, raccogliendo le nuove sfide internazionali e diffondendo, contestualmente, la peculiarità e l’eccellenza del sistema produttivo italiano oltre i confini nazionali.

 

Chiarezza, competenza, cortesia riservatezza e imparzialità sono i punti cardine su cui si fonda la società Eveho Group per soddisfare le richieste con sempre maggiore tempestività e trasparenza nelle procedure.

 

    

Eveho Group Srl

39 031 5140063

Via Francesco Anzani,9 - Como

Mail: info@evehogroup.com

 

 


Mail priva di virus. www.avast.com

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota