Cerca nel blog

sabato 22 febbraio 2014

Diano Marina alla "Ferie for alle", in Danimarca



COMUNE DI DIANO MARINA
Golfo Dianese •
Riviera dei Fiori • Provincia di Imperia • Liguria

Comunicato stampa di sabato 22 febbraio 2014

In collaborazione con STL Riviera dei Fiori, CCIAA e Provincia di Imperia

Diano Marina alla "Ferie for alle", in Danimarca

La più importante fiera del turismo open-air del Nord Europa

Il Comune di Diano Marina - in collaborazione con STL Riviera dei Fiori, CCIAA e Provincia di Imperia – partecipa in questi giorni, insieme ai più prestigiosi espositori alla MCH Messecenter di Herning "Ferie for alle", in Danimarca, alla più importante fiera del turismo open-air del Nord Europa, nella sezione International.

In sintonia con la sua posizione di eccellenza nel Ponente Ligure, il Comune ha deciso di partecipare per sostenere il settore turistico come opportunità di sviluppo locale e occupazionale. "In un periodo difficile per l'Italia, aprirsi a nuovi mercati significa puntare sul turismo e sulla cultura per permettere ai territori di "fatturare" le bellezze naturali, artistiche e culturali grazie ad un nuovo concetto di accoglienza e di collaborazione in un sistema a rete fatto di idee, energie, persone e istituzioni". Lo ha dichiarato Enrico Molinari, manager e consulente per la PA esperto in economia del turismo, come rappresentante in Danimarca per il Comune di Diano Marina.

"Spostare la geografia del turismo in Italia e in particolare nel Golfo Dianese – continua Molinari – significa dare una risposta internazionale alla domanda "Dove viaggerai per la tua vacanza principale nel 2014" - impegno sottolineato anche dalla Commissione Europea - DG Enterprise & Industry nel suo Eurobarometro - e garantire a Diano Marina il consolidamento del primato di seconda città per presenze turistiche del Ponente Ligure".

"L'economia del turismo è un concetto contemporaneo – conclude Molinari – pertanto l'arte di vendere la concretezza del territorio può permettere di sfidare la crisi con "la qualità e la bellezza".

Durante "Ferie for alle" non sono mancate le sorprese, come la visita di Hansen, un turista danese che ogni anno torna in vacanza a Diano Marina, così come accade a centinaia di turisti stranieri.

Herning (DK)

Padiglione M - Stand 9718
MCH Messecenter Herning
Dal 21 al 23 febbraio, dalle 10:00 alle 18:00

Foto 1
Foto 2

Per ulteriori informazioni stampa:
Ufficio stampa del Comune di Diano Marina
FEDERICO CRESPI & ASSOCIATI
+39.392.970.91.24

ANTISPAM STANDARD DISCLAIMER: La comunicazione viene inviata ai  facenti parte delle mailing-list di Federico Crespi & Associati. I dati acquisiti non verranno diffusi a terzi e saranno trattati nel rispetto delle regole previste dalla Legge 675/96 e disposizioni del "Codice in materia di protezione dei dati personali", decreto legislativo del 30 giugno 2003, n. 196. Per essere esclusi dalle mailing-list di Federico Crespi & Associati, inviare un messaggio contenente la dicitura "cancellatemi dalla mailing-list di Federico Crespi & Associati" al seguente indirizzo: ufficiostampa@fcea.it.

PRIVACY: Le informazioni contenute nella presente comunicazione e i relativi allegati possono essere riservate e sono, comunque, destinate esclusivamente alle persone o alla Società  sopraindicati. La diffusione, distribuzione e/o copiatura del documento trasmesso da parte di qualsiasi soggetto diverso dal destinatario è proibita, sia ai sensi dell'art. 616 c.p., che ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003. Se avete ricevuto questo messaggio per errore, vi preghiamo di distruggerlo e di informarci immediatamente inviando un messaggio  al seguente indirizzo: ufficiostampa@fcea.it.

Snai: finale Sanremo, ora è testa a testa tra Arisa e Francesco Renga

Comunicato stampa

Snai: finale Sanremo, ora è testa a testa tra Arisa e Francesco Renga

“Controvento” aggancia “Vivendo adesso” a quota 2,10 – Meno gioco su Cristiano De Andrè (9,00) e su Noemi (12)

 

MILANO – Serata finale al Festival di Sanremo, ultime ore utili per scommettere sul vincitore e importante aggiornamento nelle quote Snai: si fanno sempre più concrete, secondo i quotisti, le possibilità di vittoria di Arisa tanto che la quota per “Controvento” è ora scesa a 2,10, la stessa offerta per Francesco Renga. La corsa verso la vittoria del Festival è diventata un vero e proprio testa a testa.

   Diminuisce invece il trend di gioco per Cristiano De André: la quota per “Il cielo è vuoto” sale da 6,00 a 9,00, e variazione verso l’alto anche per Noemi, con “Bagnati dal sole” che passa da 11 a 12.

   Recupera terreno Giusy Ferreri: la quota per “Ti porto a cena con me” scende da 22 a 15, e a questa stessa quota viene offerta la vittoria di Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots (in precedenza a 16).

   Sempre meno possibilità di vittoria per Renzo Rubino, cui non basta aver vinto il premio per il miglior arrangiamento con “Ora”: la sua vittoria vale 20 volte quanto giocato. Snai offre quota 25 per i Perturbazione, 33 per Antonella Ruggiero e Ron, 50 per Francesco Sarcina, 66 per Giuliano Palma e infine 80 per Frankie hi nrg mc.

Milano, 22 febbraio 2014

 

Relazioni esterne e ufficio stampa

Valeria Baiotto – Tel. +39.02.4821.6254 – Cell. +39.334.600.6818 – e-mail valeria.baiotto@snai.it

Giovanni Fava – Tel. +39.02.4821.6208 – Cell. +39.334.600.6819 – e-mail Hgiovanni.fava@snai.it

Luigia Membrino – Tel. +39.02.4821.6217 – Cell. +39.348.9740.032 - e-mail  luigia.membrino@snai

 

Quote Snai – Vincente 64° Festival della canzone italiana – Sanremo 2014

Partecipante – Canzone

Quota

Francesco Renga – Vivendo adesso

2,10

Arisa – Controvento

2,10

Cristiano De André – Il cielo è vuoto

9,00

Noemi – Bagnati dal sole

12

Giusy Ferreri – Ti porto a cena con me

15

Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots – Liberi o no

15

Renzo Rubino - Ora

20

Perturbazione – L’unica

25

Antonella Ruggiero – Da lontano

33

Ron – Sing in the rain

33

Francesco Sarcina – Nel tuo sorriso

50

Giuliano Palma – Così lontano

66

Frankie hi nrg mc - Pedala

80

 

 

  ***************************  AVVISO DI RISERVATEZZA  Il testo e gli eventuali documenti trasmessi contengono  informazioni riservate  al destinatario indicato.  La seguente e-mail e' confidenziale e la sua riservatezza e'  tutelata legalmente  dal Decreto Legislativo 196/03.  La lettura, copia od altro uso non autorizzato o qualsiasi  altra azione  derivante dalla conoscenza di queste informazioni sono  rigorosamente vietate.    Se pensi di non essere il destinatario di questa mail, o se hai  ricevuto  questa mail per errore, sei pregato di darne immediata  comunicazione ad  abuse@snai.it e di provvedere immediatamente alla sua  distruzione.  Questo messaggio rappresenta l'opinione del mittente e non  necessariamente l'opinione della societa'.  

FOOTBALL AMERICANO, al via il campionato di III Divisione

COMUNICATO STAMPA

AL VIA IL CAMPIONATO DI III DIVISIONE: CACCIA AL TITOLO DELLE AQUILE FERRARA

Inizia nel fine settimana il campionato di III Divisione (ex Cif9), che quest'anno vede al via 39 squadre. Si parte alle 14 con un bel derby, perché i Knights Persiceto terranno a battesimo il ritorno di un nome storico come quello dei Doves Bologna. Si gioca sempre 9 contro 9. Quella tra Knights e Doves sarà la prima delle ben 18 gare previste per questa prima giornata, che, come tutte le seguenti, potrà essere seguita con aggiornamenti in tempo reale su www.game-day.it e attraverso l'account twitter @fidafgameday.


Parte quindi la caccia al titolo delle Aquile Ferrara, campioni nel 2013, che non lo difenderanno dato che quest'anno parteciperanno al campionato di I Divisione. Nel prossimo fine settimana partirà invece il campionato di II Divisione (Lenaf), mentre l'8 marzo si disputerà l'opening game del campionato di I Divisione (Ifl), che sarà la riedizione del Super Bowl tra Seamen Milano e Panthers Parma.


Prima giornata


Sabato 22 febbraio

Ore 14.00 Knights Persiceto-Doves Bologna

Ore 20.00 Mad Bulls Barletta-Patriots Bari

Ore 20.30 Cowboys Selvazzano-Sentinels Isonzo

Ore 20.45 Pirates Savona-Blitz Ciriè

Ore 21.00 Red Jackets Lunigiana-Etruschi Livorno


Domenica 23 febbraio

Ore 14.00 Wolverines Piacenza-Hammers MB

Ore 14.00 Ravens Imola-Thunders Trento

Ore 14.30 Berserk Riolo Terme-Chiefs Ravenna

Ore 14.30 Caribdes Messina-Achei Crotone

Ore 14.30 Dragons Salento-82ers Napoli

Ore 14.30 Jokers Pesaro-Leones Poggiofiorito

Ore 15.00 White Tigers Massa-Trappers Cecina

Ore 15.00 Bills Cavallermaggiore-Mastiffs Ivrea

Ore 15.00 Gteam Gallarate-65ers Arona

Ore 15.30 Goblins Lanciano-Crabs Pescara

Ore 15.30 Gladiatori Roma-Black Hammers Ostia

Ore 15.30 Eagles Salerno-Highlanders Catanzaro

Ore 15.30 Terni Football-Veterans Grosseto


Luca Pelosi
Ufficio Stampa FIDAF
Per info: 3283238984

Uscita di “Vita e Opere”, prima biografia in italiano di Max Stirner

Quando, nell'estate del 1887, il giovane poeta scozzese John Henry Mackay si imbatté nel nome di Max Stirnere nella sua opera L'Unico e la sua proprietà, fu come folgorato da un incomparabile desiderio di approfondirne la conoscenza. E fu così che, con grande entusiasmo, dedicò molti anni della sua vita alla ricerca di tutte le fonti possibili, sia testimoniali che documentarie, per realizzare una biografia, per raccogliere i testi, per perpetuare la memoria, insomma per togliere dall'oblio quell'oscuro filosofo, morto in povertà e ormai dimenticato da tempo.
Quella del Mackay rimane a tutt'oggi l'unica biografia attendibile di Max Stirner. Ne curò tre successive edizioni, negli anni 1898, 1910, 1914. Quest'ultima viene qui utilizzata per la prima traduzione pubblicata in lingua italiana. Quella pubblicata da Bibliosofica Editrice, perciò, colma una lacuna, in quanto un'opera scritta con così grande passione merita di essere conosciuta, soprattutto perché apre un velo più "umano" rispetto alla imponente bibliografia stirneriana, incentrata quasi esclusivamente su studi e ricerche di preminente carattere filosofico.


Max Stirner, pseudonimo di Johann Caspar Schmidt (Bayreuth 1806 – Berlino 1856), filosofo tedesco. Sue opere principali: "L'Unico e la sua proprietà" (1845), "Scritti minori e risposte ai critici dell'Unico" (1842-1847), "Storia della reazione" (2 voll., 1852).

John Henry Mackay (Greenock 1864 – Charlottenburg 1933), scrittore tedesco di origine scozzese. Sue opere principali: "Tempesta" (raccolta di poesie, 1888), "Gli anarchici" (1891), "Max Stirner" (1898), "I cercatori di libertà" (1920).


Uscita: gennaio 2014
Pagine: 228
Formato: cm 15×21
Prezzo: 13 euro
ISBN: 978-88-87660-38-8
Traduzione: Claudia Antonucci


Per info sulla Casa Editrice, visitare www.bibliosofica.it



Comunicato Stampa: Bawer Olimpia Matera, a Reggio Calabria partita spinosa










Comunicato Stampa
 #442  
 
Bawer
Olimpia Matera,
a Reggio Calabria partita spinosa


Entrambe le formazioni hanno vinto gli ultimi quattro incontri su cinque. Padroni di casa a due punti dalla zona playoff, i lucani devono confermare il secondo posto in classifica e recuperare su Agrigento in fuga. Diretta TV sul digitale terrestre e su web.

  

 

Data del Comunicato

Sabato 22 febbraio 2014

  

 

 

Al Palasport Maiata di Vibo Valentia si svolgerà domani, domenica 23 febbraio 2014, con inizio alle ore 18.00, la partita tra Viola Reggio Calabria e Bawer Olimpia Matera, ottava del girone di ritorno (gara 23 su 30) del Campionato Nazionale di Basket LNP Adecco Silver.

 

La serie positiva della squadra materana si è interrotta domenica scorsa in casa all'overtime, contro Ravenna. Nonostante la sconfitta, Matera mantiene - con 28 punti - il secondo posto in classifica insieme a Ferrara, sconfitta nella traferta di Treviglio, a meno sei da Agrigento (attesa in casa proprio contro Treviglio) che ha colto l'occasione delle due defaillance per allungare il passo verso la promozione diretta in Gold, a sette giornate dal termine della regular season. Gli uomini di coach Benedetto hanno vissuto una settimana intensa con allenamenti molto impegnativi, a dimostrazione dell'importanza che tutti attribuiscono allo scontro di domenica.

 

Anche i padroni di casa provengono da una serie molto positiva, avendo vinto quattro delle ultime cinque partite - alla stessa stregua di Matera - e sono passati nelle ultime settimane dal rischio retrocessione, fino a quota 20, a lambire la zona playoff che ora è a portata di mano, a soli due punti.  

 

Giovanni Benedetto conosce bene le asperità del percorso che attende i suoi giocatori e dichiara: "La sconfitta in casa di domenica scorsa contro Ravenna - subita dopo il tempo supplementare - non deve compromettere il ruolino di marcia che ci siamo prefissati per questo campionato, che volge alle fasi finali. Tuttavia, per neutralizzare il risultato negativo, dobbiamo dedicarci ad ogni gara, concentrandoci sull'avversario con intensità e coraggio. Reggio Calabria è una tappa fondamentale per il nostro percorso: una squadra con meno punti di quelli che meriterebbe, ma determinata a risalire la china, avendo titolo e sostanza, con un roster di tutto valore guidato da un collega molto esperto. E' una sfida speciale con la squadra della mia città, che in ogni appuntamento evoca ricordi ed emozioni."

 

Anthony Jones, uno dei due statunitensi in forza alla Bawer, racconta le sue aspettative: "Credo che la prossima partita debba essere vinta per forza. Non vogliamo affatto perdere due gare di seguito, mentre la stagione scorre verso la fine. Abbiamo bisogno di continuare a migliorare, giorno dopo giorno. Mentalmente è necessario mettere totalmente a fuoco le idee sull'incontro: se lo faremo bene, domenica prossima raccoglieremo un grande successo."

 

Intanto, la Bawer Olimpia Matera continua ad aderire all'iniziativa "A canestro con Matera 2019" - promossa da TRM Network in collaborazione con il Comitato "Matera 2019" e la Camera di Commercio di Matera. All'interno di queste attività, a beneficio dei tifosi Bawer che seguono la loro squadra ovunque si trovino, è prevista la diretta streaming sui canali digitali terrestri TRM e TRMH24 e sui siti internet www.trmtv.it e www.olimpiamatera.it.

 

Arbitreranno la gara i signori Matteo Boninsegna di Paderno Dugnano, Corrado Triffiletti di Messina e Nicola Mancini di Caserta.

 

 

Angelo Tarantino

Disclaimer

L'utilizzo delle immagini fotografiche pubblicate all'interno di questo comunicato è consentito ai blog e alle testate giornalistiche, a condizione che sia mantenuta visibile l'evidenza del copyright e del nome dell'autore. Ogni altro diritto è riservato.
Per informazioni:
 
 
 
 
Bawer Olimpia Matera
Via Dante, 38/B
Tel. 0835/388298
75100 Matera
 

_____________________________________________________________________________ 

  



Ufficio Stampa Matera: 
ServiziStampa by Resolvis 

ServiziStampa by Resolvis

Via Passarelli, 50
75100 Matera (Italy)
Telefono +39 0835 331871 - Fax +39 0835 1820303
Angelo Tarantino - Mobile: +39 348 8515452
- Internet u.r.l.: www.servizistampa.it
 
ServiziStampa e Resolvis sono marchi registrati. Tutti i diritti sono riservati.
Release 1.0
_____________________________________________________________________________


venerdì 21 febbraio 2014

Curzia Tortorella, una Rosa per il Gaslini

Comunicato stampa di venerdì 21 febbraio 2014

Simpatico intervento di Miss Liguria 2013, che per tutto il pomeriggio di oggi ha promosso l'iniziativa

Curzia Tortorella, una Rosa per il Gaslini

E' la madrina dell'iniziativa con cui la floricoltura sanremese contribuisce alle attività di raccolta fondi di "Gaslini Onlus"

Galleria fotografica con immagini ad alta http://www.fcea.it/it/galleria-stampa/307


Curzia Tortorella, Miss Liguria 2013, ha partecipato oggi pomeriggio, in via Matteotti a Sanremo, alla inaugurazione dello stand dell'iniziativa "Una Rosa per il Gaslini", con cui la floricoltura sanremese contribuisce alle attività di raccolta fondi dell'Associazione "Gaslini Onlus". La giovane si è simpaticamente messa a disposizione non solamente per le foto di rito, ma anche per promuovere la rosa presso i numerosi passanti, riscontrando moltissimi successo, soprattutto tra i più giovani: "Con la mia presenza qui - ha dichiarato - voglio dare il mio piccolo e modesto contributo a questa nobile causa e spero che siano in tanti a seguirmi".

"Una Rosa per il Gaslini" è un progetto di raccolta di fondi destinato all'Associazione "Gaslini onlus", per sostenere le attività dell'Istituto Giannina Gaslini e migliorare la qualità dell'accoglienza ai bambini e alle famiglie, l'assistenza medica e la ricerca pediatrica. Nasce dall'idea dell'Azienda Agricola Gazzano GB, di Bussana di Sanremo: offrire una rosa di Sanremo, città dei fiori, la cui durata non si limiti ai consueti 7-10 giorni. Attraverso un naturale processo di liofilizzazione (non si tratta del vecchio processo di stabilizzazione che inquinava le acque reflue), la rosa viene infatti prosciugata, pur mantenendo forme e colori che aveva quando era fresca. Dopo la lavorazione, la rosa viene inserita in una scatola che ne impreziosisce il valore e il significato. In questo modo, la durata del fiore è ben superiore ai 6 mesi e può arrivare sino ad un anno. Allo stesso tempo, diventa un oggetto da regalare e anche da mostrare, magari sbadatamente dimenticato sulla scrivania.

Durante il periodo del Festival di Sanremo, "Una Rosa per il Gaslini" sarà acquistabile con un'offerta minima di 10,00 €.

Istituto Giannina Gaslini
L'Istituto Giannina Gaslini è un importante ospedale pediatrico situato a Genova Quarto, a pochi metri dal mare, fondato da Gerolamo Gaslini, conte di san Gerolamo, su progetto dell'architetto Angelo Crippa. Gerolamo Gaslini e la moglie Lorenza finanziarono quest'opera in memoria della loro figlia Giannina, morta nel 1917, per una peritonite non diagnosticata in tempo, e ne fecero una struttura specifica per la cura, la difesa e l'assistenza dell'infanzia e della fanciullezza. La struttura, inaugurata il 15 maggio 1938 dopo sei anni di lavori di costruzione, consta oggi di ventidue padiglioni di cui molti dedicati alla ricerca per la cura delle malattie pediatriche. È considerato uno dei maggiori istituti pediatrici d'Europa, conosciuto non solo in Italia, ma anche a livello mondiale. L'istituto è dotato di un laboratorio di analisi tra i più avanzati e avveniristici dell'area mediterranea.

Gaslini Onlus
L'associazione Gaslini Onlus sostiene le attività dell'Istituto Giannina Gaslini e contribuisce a migliorare la qualità dell'accoglienza ai bambini e alle famiglie, l'assistenza media e la ricerca pediatrica.

Azienda Agricola Gazzano GB
Da generazioni lavora nel mondo della floricoltura, a Bussana di Sanremo. Nel tempo, le tipologie di coltivazione sono cambiate. Fino a 12-15 anni fa era prevalente la coltivazione tradizionale di garofani e di rose, che venivano vendute a stelo sul Mercato di Sanremo. Oggi è preminente la coltivazione di fiori in vaso, rose, ranuncoli e altri, che vengono consegnate direttamente a garden e vivaisti in tutto il nord Italia e in parte della Francia meridionale. Azienda a gestione famigliare, il numero degli addetti varia a seconda delle stagioni. Negli ultimi anni, l'Azienda Agricola Gazzano GB ha sperimentato con successo la liofilizzazione del fiore, una tecnica che consente di mantenerne intatte per un periodo superiore ai 6 mesi le caratteristiche principali: attraverso una procedura totalmente naturale (non si tratta del vecchio processo di stabilizzazione che inquinava le acque reflue) il fiore viene prosciugato, pur mantenendo forme e colori che aveva quando era fresco. Dopo la lavorazione il fiore viene inserito in una scatola che ne impreziosisce il valore e il significato. Il fiore con cui l'Azienda Agricola Gazzano GB ha iniziato l'attività di liofilizzazione è stata la Rosa Mystica, poi denominata Rosa Mystica Perennis, il prestigioso dono che la floricoltura sanremese ha dedicato alla Madonna, sotto il patrocinio della Fondazione per i Beni e le Attività Artistiche della Chiesa. Con Rosa di Amante, l'Azienda Agricola Gazzano GB ha presentato al grande pubblico una nuova proposta per la ricorrenza di San Valentino e per tutti i momenti dell'anno in cui si vuol regalare una rosa rossa.

Per maggiori informazioni: www.unarosaperilgaslini.it
Pagina Facebook: http://www.facebook.com/UnaRosaPerIlGaslini


Galleria fotografica con immagini ad alta http://www.fcea.it/it/galleria-stampa/307

------------------------------------------------

Per ulteriori informazioni stampa:
Ufficio Stampa Una Rosa per il Gaslini
FEDERICO CRESPI & ASSOCIATI
ufficiostampa@fcea.it
+39.392.970.91.24


ANTISPAM STANDARD DISCLAIMER: La comunicazione viene inviata ai  facenti parte delle mailing-list di Federico Crespi & Associati. I dati acquisiti non verranno diffusi a terzi e saranno trattati nel rispetto delle regole previste dalla Legge 675/96 e disposizioni del "Codice in materia di protezione dei dati personali", decreto legislativo del 30 giugno 2003, n. 196. Per essere esclusi dalle mailing-list di Federico Crespi & Associati, inviare un messaggio contenente la dicitura "cancellatemi dalla mailing-list di Federico Crespi & Associati" al seguente indirizzo: ufficiostampa@fcea.it.

PRIVACY: Le informazioni contenute nella presente comunicazione e i relativi allegati possono essere riservate e sono, comunque, destinate esclusivamente alle persone o alla Società  sopraindicati. La diffusione, distribuzione e/o copiatura del documento trasmesso da parte di qualsiasi soggetto diverso dal destinatario è proibita, sia ai sensi dell'art. 616 c.p., che ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003. Se avete ricevuto questo messaggio per errore, vi preghiamo di distruggerlo e di informarci immediatamente inviando un messaggio  al seguente indirizzo: ufficiostampa@fcea.it.

Se un farmaco contiene dell’ alcol nella sua composizione, l’ automobilista, che lo abbia assunto, deve astenersi dalla guida!

Da: avv. Eugenio Gargiulo (eucariota@tiscali.it)

 

Se un farmaco contiene dell' alcol nella sua composizione, l' automobilista, che lo abbia assunto, deve astenersi  dalla guida!

 

La natura contravvenzionale della guida in stato di ebbrezza impone al soggetto agente di astenersi diligentemente dalla guida ove abbia assunto, per qualsivoglia, anche giustificata, ragione, alcolici o misture, rimedi, prodotti e farmaci contenenti alcol. E' il principio ribadito dalla Cassazione con la sentenza 31 gennaio 2014, n. 4967.

 

In merito a ciò la Suprema Corte già si era pronunciata con la sentenza 3 aprile 2013, n. 15562, dove aveva precisato che l'espletamento di una perizia diretta ad accertare l'idoneità dei farmaci assunti ad alterare i valori del tasso alcolemico in misura superiore a 0,5 g/l non è indispensabile ai fini del decidere, atteso che comunque il ricorrente, che conosceva gli effetti dei farmaci che assumeva, mai avrebbe dovuto porsi alla guida di un'autovettura.

 

Sulla stessa linea la pronuncia 29 settembre 2011, n. 38793. Anche in questo caso, la Corte ha sostenuto che ai fini della configurabilità della contravvenzione di cui all'articolo 186 del codice della strada, non può rilevare, per escludere il reato, la prospettata circostanza che l'assunzione di determinati farmaci possa avere aumentato i dati di concentrazione dell'alcool nel sangue, perché, in ogni caso,chi sa di assumere farmaci di tal genere deve astenersi dall'ingestione di alcool e specialmente deve evitare di mettersi alla guida!

Foggia, 21 febbraio 2014                                                       Avv. Eugenio Gargiulo


 

 

I genitori sono condannati a pagare i danni anche se i figli sono quasi maggiorenni!

Da: avv. Eugenio Gargiulo (eucariota@tiscali.it)

 

I genitori sono condannati a pagare i danni anche se i figli sono quasi maggiorenni!

 

I genitori possono essere chiamati a pagare i danni causati dai figli anche se i ragazzi sono prossimi alla maggiore età. Lo ha evidenziato la Cassazione, con la sentenza 3964/2014, spiegando che il compito di "impartire insegnamenti adeguati e sufficienti ad affrontare correttamente la vita di relazione deve essere assolto con maggiore rigore proprio in ragione dei tempi in cui avviene l'emancipazione dal controllo diretto dei genitori".

 

In particolare, la Suprema Corte si è occupata del caso di una sedicenne della capitale che ben 11 anni fa aveva attraversato il passaggio pedonale di piazzale Flaminio con il semaforo rosso per i pedoni mentre arrivava, con direzione Muro Torto, un centauro .

 

Se il Tribunale aveva dichiarato l'esclusiva responsabilità della sedicenne nell'incidente avvenuto il 30 ottobre del 2003, condannando la ragazza e i genitori a risarcire i danni al motociclista, la Corte d'appello della capitale aveva deciso per un concorso di colpe ritenendo però di liberare da responsabilità i genitori della minorenne, sulla base del fatto che a sedici anni era da presupporre una "consapevolezza più che adeguata di circolare da sola" e che la violazione commessa dalla ragazza non potesse essere imputata ad una cattiva educazione di mamma e papà.

 

Tanto più, è stato il ragionamento dei giudici di merito nel 2011, che l'attraversamento col rosso poteva essere giustificato da una difficoltà occasionale "come la pioggia, il ritardo a scuola o altro che non era riuscita a controllare". Contro questa decisione, il motociclista ha fatto ricorso in Cassazione, sostenendo, tra l'altro, che la corte d'appello ha motivato "in maniera incongrua allorché ha escluso la responsabilità dei genitori" cui spetta l'educazione.

 

Piazza Cavour ha accolto la tesi difensiva e, allineandosi ad una precedente pronuncia, ha ricordato che "la responsabilità dei genitori per i fatti illeciti commessi dal minore con loro convivente, prevista dall'art. 2048 c.c., è correlata ai doveri inderogabili posti a loro carico dall'art. 147 c.c. e alla conseguente necessità di una costante opera educativa, finalizzata a correggere comportamenti non corretti e a realizzare una personalità equilibrata, consapevole della relazionalità della propria esistenza e della protezione della propria ed altrui persona da ogni accadimento consapevolmente illecito".( in tal senso Corte di cassazione - Sezione III civile - Sentenza 19 febbraio 2014 n. 3964)

 

In definitiva, i genitori, ha detto la Cassazione, possono liberarsi da ogni responsabilità soltanto se dimostrano, fatti concreti alla mano, di non avere avuto una colpa nell'educare il loro figlio, anche se ormai e' prossimo alla maggiore età. D'altra parte, ha osservato ancora la Terza sezione civile , "se è vero che oggi è sempre più anticipato il momento in cui i minori si allontanano dalla sorveglianza diretta dei genitori, vanno a scuola da soli e se un quattordicenne può anche girare in motorino, è pur vero che l'obbligo di vigilanza dei genitori non può certo essere annullato, ma assume, piuttosto, contorni diversi".

 

Dice a questo proposito la Cassazione che "il compito di impartire insegnamenti adeguati deve essere assolto anche con maggior rigore proprio in ragione dei tempi in cui avviene l'emancipazione dal controllo diretto dei genitori". Perciò, se anche sulla soglia dei 18 anni un ragazzo dimostra di non conoscere le regole della strada e del comune vivere civile, i genitori sono tenuti a pagare i danni causati dal figlio.

 

Sarà ora la Corte d'appello di Roma a valutare (dopo oltre undici anni!) se dai genitori della ragazza, oggi 27enne, e' stata "assolta la prova liberatoria" di averla educata bene!

Foggia, 21 febbraio 2014                                                       Avv. Eugenio Gargiulo


 

 

I Comuni devono rispettare la legge che impone loro di piantare un albero per ogni neonato !

Da: avv. Eugenio Gargiulo (eucariota@tiscali.it)

 

I Comuni devono rispettare la legge che impone loro di piantare un albero per ogni neonato !

 

E' entrata in vigore lo scorso 16 febbraio 2013 la legge che ha obbligato ogni Comune a piantare, entro sei mesi, un albero per ogni bambino nato o adottato nel Comune stesso.

 

Una norma che, a quanto sembra, è rimasta programmatica, perché nessun ente locale sembra essersi, ad oggi, ancora adeguato.  Ricordiamo che dovevano essere poi le Regioni e le Province autonome a individuare le specie arboree più consone alle caratteristiche del clima, tipo di terreno e paesaggio dei luoghi.

 

Le nuove misure, volte a incentivare lo sviluppo di spazi verdi urbani, hanno anche istituito la "Giornata nazionale degli alberi" fissata per il 21 novembre di ogni anno.

 

E se il Comune non adempie all'obbligo? Entro il 31 dicembre di ogni anno l'ente territoriale dovrà disporre delle varianti urbanistiche per assicurare il rispetto delle quantità minime di spazi pubblici riservati alle attività collettive, a verde pubblico o a parcheggi in rapporto agli insediamenti residenziali e produttivi.

 

A controllare il rispetto della legge sarà il Comitato per lo Sviluppo del verde pubblico, istituito presso il Ministero dell'Ambiente.  Gli alberi non sono solo elementi di arredo delle nostre città. Per quanti fossero al "verde" di nozioni ambientalistiche, ricordiamo infatti che un singolo albero è in grado di fornire ossigeno per 10 persone e di assorbire, a seconda delle dimensioni, da 7 a 12 kg di emissioni di CO2 all'anno.

 

Gli alberi, inoltre, riducono l'inquinamento acustico.  Il nostro Paese perde suolo verde alla velocità di 8 metri quadrati al secondo! Un dato davvero allarmante. Il ritmo degli ultimi cinque anni è il più veloce di quelli registrati negli ultimi 50. Il picco però è stato negli anni '90, in cui si sfiorarono i 10 mq al secondo. I risultati sono stati resi noti  recentemente dallo studio dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra).

 

Secondo un antico detto cinese, un uomo è pronto per morire solo dopo aver fatto un figlio, scritto un libro e piantato un albero. Chissà che, invece, gli alberi non ci salvino proprio dalla morte!


Foggia, 21 febbraio 2014                                            avv. Eugenio Gargiulo

 

Snai: nuove quote per Sanremo, si gioca su Arisa e Francesco Renga

Comunicato stampa

Snai: nuove quote per Sanremo, si gioca su Arisa e Francesco Renga

“Controvento” scende a 2,75 e si avvicina a “Vivendo adesso”, quotata ora 1,85 – Trend di gioco in crescita anche per Cristiano de André, “Il cielo è vuoto” passa a 6,00.

MILANO – Nuovo aggiornamento nelle quote Snai per il Festival di Sanremo: e si tratta di un aggiornamento significativo perché si sono intensificate le scommesse su Arisa, che scende da quota 4,00 a 2,75, sino a tallonare Francesco Renga, ora quotato 1,85. Va segnalato che per un breve periodo, nel primo pomeriggio, la quota per la canzone “Vivendo adesso” era scesa sino a 1,80.

   Il podio virtuale, basato solo sulle quote Snai, vede al terzo posto Cristiano De André: anche in questo caso la variazione della quota è importante, da 9,00 a 6,00.

   Perdono terreno Noemi, che sale da 9,00 a 11, e ancor più Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots, a quota 16 dalla precedente 9,00; anche Renzo Rubino passa da 12 a 16.

   Significativo il calo nel trend di scommesse su Giusy Ferreri, la quota varia da 12 a 22; allo stesso valore troviamo i Perturbazione.

   Scende da 33 a 28 la quota per Ron, ma “Sing in the rain” rimane lontana dalle possibili prime posizioni. Invariata la quota di Giuliano Palma (50), Frankie hi nrg mc e Riccardo Sinigallia passano da 66 a 75.

Milano, 21 febbraio 2014

 

Relazioni esterne e ufficio stampa

Valeria Baiotto – Tel. +39.02.4821.6254 – Cell. +39.334.600.6818 – e-mail valeria.baiotto@snai.it

Giovanni Fava – Tel. +39.02.4821.6208 – Cell. +39.334.600.6819 – e-mail giovanni.fava@snai.it

Luigia Membrino – Tel. +39.02.4821.6217 – Cell. +39.348.974.0032 – e-mail luigia.membrino@snai.it

 

Quote Snai – Vincente 64° Festival della canzone italiana – Sanremo 2014

Partecipante - Canzone

Quota

Francesco Renga – Vivendo adesso

1,85

Arisa – Controvento

2,75

Cristiano De André – Il cielo è vuoto

6,00

Noemi – Bagnati dal sole

11

Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots – Liberi o no

16

Renzo Rubino - Ora

16

Giusy Ferreri – Ti porto a cena con me

22

Perturbazione – L’unica

22

Antonella Ruggiero – Da lontano

33

Ron – Sing in the rain

28

Francesco Sarcina – Nel tuo sorriso

50

Giuliano Palma – Così lontano

50

Frankie hi nrg mc - Pedala

75

Riccardo Sinigallia – Prima di andare via

75

·          Aggiornamento: venerdì 21 febbraio 2014, ore 17:56.

 

 

 

  ***************************  AVVISO DI RISERVATEZZA  Il testo e gli eventuali documenti trasmessi contengono  informazioni riservate  al destinatario indicato.  La seguente e-mail e' confidenziale e la sua riservatezza e'  tutelata legalmente  dal Decreto Legislativo 196/03.  La lettura, copia od altro uso non autorizzato o qualsiasi  altra azione  derivante dalla conoscenza di queste informazioni sono  rigorosamente vietate.    Se pensi di non essere il destinatario di questa mail, o se hai  ricevuto  questa mail per errore, sei pregato di darne immediata  comunicazione ad  abuse@snai.it e di provvedere immediatamente alla sua  distruzione.  Questo messaggio rappresenta l'opinione del mittente e non  necessariamente l'opinione della societa'.  

Alla scoperta delle specialità enogastronomiche della Sardegna

Terra ricca di incantevoli attrazioni naturali, la Sardegna è da sempre apprezzata anche per le sue specialità enogastronomiche, tant'è che negli ultimi anni sono stati creati dei veri e propri itinerari del gusto che mirano a far deliziare i palati delle centinaia di migliaia di turisti che ogni anno vengono in vacanza sull'isola. Che siano a base di carne o di pesce, ogni zona della Sardegna ha i suoi piatti tipici e i suoi dolci, oltre agli eccezionali vini che ogni anno conquistano premi e consensi da parte degli intenditori.

Perché non trasformare quindi le vacanze Sardegna 2014 in un tour dei sapori? Partiamo dal nord: a Sassari la cucina è rinomata per le lumache preparate in vari modi, bollite, stufate, in salsa di pomodoro piccante o in salsa verde. Altra specialità sono le monzette (lumachelle), arrostite sul fuoco del camino oppure condite con olio d'oliva, aglio, pangrattato e prezzemolo.

A Torralba, distante pochi chilometri da Sassari e famosa per essere inserita in una zona di enorme interesse archeologico, non si può non assaggiare la zuppa di finocchietti selvatici, cui si aggiunge abbondante pecorino. Durante il carnevale vengono preparate le mantogadas, intrecci di farina e strutto conditi con sciroppo di zucchero e limone.

Ad Ozieri, inserito anch'esso in un'importante area archeologica, le specialità sono le lumache con patate e la carne di cinghiale arrostita sulla brace e servita rigorosamente su grandi vassoi di sughero.

Spostandoci ad Alghero, stupenda città di origini catalane, il piatto da assaggiare per eccellenza è l'aragosta alla catalana, bollita e condita con olio, aceto e cipolle. Ottimo anche il pesce all'agliata, condito con aglio, prezzemolo, olio e succo di limone. Ad Alghero, tutti i fine settimana da gennaio a marzo, si tiene la Sagra del Bogamarì, il riccio di mare. Meritano una visita la Cantina Sella & Mosca e quella di Santa Maria la Palma.

Nel versante nord-orientale, precisamente in Gallura, una tappa obbligata è Berchidda, grazioso paesino situato su un'altura: qui ci troviamo nel tempio del Vermentino, il vino bianco sardo più famoso ed apprezzato, da bere fresco sia come aperitivo che per accompagnare i piatti a base di pesce. Merita una visita il Museo del Vino, dove sono esposti reperti etnografici concernenti gli aspetti pratici e sociali della civiltà del vino. Il museo dispone inoltre di filmati e altri documenti multimediali interessanti e stimolanti come il sommelier interattivo. Nel mese di agosto Berchidda ospita il Time in Jazz, festival organizzato da Paolo Fresu che ospita ogni anno i più bravi jazzisti mondiali.

Anche Monti, come Berchidda, è la patria del Vermentino, tant'è che ad agosto viene organizzata la Sagra del Vermentino. Prima di abbandonare la Gallura bisogna assolutamente assaggiare la zuppa gallurese o suppa cuata, preparata con strati di pane raffermo, bagnati con brodo di carne di pecora e alternati con pecorino stagionato.

Ci si addentra quindi nella Barbagia, il cuore della Sardegna, dove a farla da padrone sono i sapori forti. Si comincia dalla pecora in cappotto, carne di pecora bollita con patate, cipolle, sedano e pomodori secchi; tra le specialità arrosto spiccano sa cordula e sa trattalia: la prima si ottiene avvolgendo le interiora dell'agnello e del capretto, la seconda si prepara con il fegato, le animelle, il cuore e la milza dell'animale, avvolte in un velo di grasso e legate con gli intestini. Squisiti anche il capretto, l'agnello e il porchetto arrosto, diffusi in tutta l'isola con numerose varianti. Altro piatto tipico pastorale, stavolta dolce, è la sebada, costituita da una sfoglia di pasta che ricopre formaggio fresco aromatizzato con scorza di limone: di forma tonda, viene fritta nell'olio di oliva e successivamente ricoperta di zucchero o miele di corbezzolo. Delizioso anche il torrone, specialmente quello prodotto nel paese di Tonara, cui viene dedicato una gustosissima sagra il giorno di Pasquetta. La Barbagia produce vini dal sapore forte e deciso come il Cannonau ed in particolare il Nepente di Oliena, decantato persino dal poeta Gabriele D'Annunzio: perfetto per accompagnare carni arrosto e formaggi stagionati come il casu marzu (formaggio marcio), una crema dal sapore molto particolare e pungente.

Trasferendoci nell'oristanese, la cucina è prevalentemente a base di pesce, come la merca, muggine lessato e avvolto in foglie d'acqua palustre; la bottarga, uova di muggine salate, pressate ed essiccate da gustare affettata o grattuggiata sugli spaghetti. Deliziose anche le anguille pescate nello Stagno di Cabras, cotte alla brace e servite con abbondante sale. Tra i vini si segnala la Vernaccia, dolce ma dalla elevata gradazione.

Sul versante opposto, in Ogliastra, il simbolo della cucina sono i culurgiones, fagottini di pasta fresca ripieni di patate, pecorino e menta fresca. Questa è l'area per eccellenza del famoso vino Cannonau, cui il paese di Jerzu dedica un'importante e allegrissima sagra nel mese di agosto.

Si giunge quindi al sud della Sardegna, dove uno dei piatti più rappresentativi sono i malloreddus alla campidanese, piccoli gnocchetti di pasta conditi con sugo di pomodoro, salsiccia e abbondante pecorino. A Cagliari i piatti tipici sono la burrida, gattuccio marinato in salsa d'aceto e noci; la fregula con cocciula, minute palline di pasta cucinate con le arselle e i ghiozzi fritti, piccoli pesci insemolati e fritti.

Nella piccola isola di San Pietro, in particolare a Carloforte, va assolutamente assaggiato il cascà, variante sarda del couscous tunisino, e la pasta alla carlofortina, condita con tonno fresco (prodotto locale rinomatissimo) e il pesto. Nella non lontana Capoterra non vi perdete invece is tacculas, tordi cotti alla brace e insaporiti con rami di mirto. La zona del Sulcis, infine, si contraddistingue per la produzione del vino Carignano, di eccellente qualità e molto alcolico.

Ovunque in Sardegna, seppur con piccole varianti da zona a zona, non dimenticate di assaggiare il famoso pane carasau, chiamato anche carta da musica, e i dolci della tradizione come i gueffus, le pardulas, il gattò, i piricchittus, i pistoccus e tanti altri.

Ci sono tante agenzie che organizzano e pianificano le vacanze sull'isola, a partire dalla tipologia dell'alloggio: il consiglio è di prenotare una delle tante case affitto Sardegna per vivere più a stretto contatto con la realtà del posto e magari fare amicizia con qualche sardo che sarà lieto di deliziarvi con le sue specialità!

Tutte le news della Rete le trovi sul:


Giornale online realizzato da una redazione virtuale composta da giornalisti e addetti stampa, professionisti di marketing, comunicazione, PR, opinionisti e bloggers. Il CorrieredelWeb.it vuole promuovere relazioni tra tutti i comunicatori e sviluppare in pieno le potenzialità della Rete per una comunicazione democratica e partecipata.

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.

L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.

Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License

CorrieredelWeb.it è un'iniziativa del Cav. Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista

indirizzo skype: apietrarota